Notizie

20/06/2009 - I vincitori della IX Edizione

Si è svolta sabato 20 giugno ad Acqui Terme la Cerimonia di premiazione della IX Edizione della Biennale Internazionale per l’Incisione: in questa occasione sono stati premiati i vincitori della corrente edizione.

 

Elenco dei premiati 2009:

Premio Acqui

Man Zhuang (Giappone)
For Away, 2008
Maniera nera, 365 x 535 mm [485 x 645 mm]

1-Man Zhuang Giappone picMan Zhuang scrive: "Ho inciso una lastra di rame e utilizzato la Chine collée, la sottilissima carta di Cina applicata come fondino in fase di stampa con un leggero incollaggio, perché è una tradizione antica nel mio paese, inoltre questo tipo di carta ha la proprietà di esaltare l’effetto della maniera nera e rendere delicati passaggi di colore.

Trovo che la tecnica della maniera nera sia il mezzo migliore per riprodurre la bellezza della luce, perché permette sfumature le variazioni uniche, effetti pittorici, mezzi toni. Utilizzo questa tecnica anche perché impegna in un percorso intellettuale llungo e laborioso. Le fasi di lavoro sono contraddittorie: prima si ottiene il rilievo, poi lo si elimina, e questi passaggi li chiamano un lavoro primordiale che produce un segno arcano, magico, capace di trascrivere gli effetti che desidero: intendo fermare la luminosità dell’istante, bloccarla, capirla. Il bagliore di luce è una forza non solo naturale ma interiore. Con i miei lavori cerco di cogliere l’attimo più luminoso, di inserire la luce nel mondo monocromatico."

"Sono nata nel 1972 a Shanghai, in Cina; i miei primi interessi erano rivolti alla medicina e quindi mi sono laureata in odontoiatria nel 1995. Ma già qualche anno dopo sono entrata alla Bunka Woman’s University di Tokyo, per frequentare il corso di disegno grafico sotto la guida di Takeshi Katori. Dal 2003 ho iniziato a partecipare ai concorsi internazionali di grafica: il primo è stato a Cadaqués in Spagna, poi a Bangkok, quindi Lessedra, Seul, Xativa e Tokyo, dove ho tenuto anche mostre personali. Mie opere sono nelle collezioni del National Taiwan Museum of Fine Arts e della Library of Congress americana."

Premio Speciale della Giuria

Roberta Zamboni (Italia)
L’acqua racconta, 3, 2008
Acquaforte, 245 x 325 mm [700 x 500 mm]

2-Roberta Zamboni Italia pic

Roberta Zamboni scrive: "Per realizzare “L’acqua racconta” ho utilizzato l’acquaforte su lastra di zinco: è la tecnica che mi permette di ottenere l’effetto di un disegno spontaneo e libero. La stampa è su fondino color ocra, che ho scelto per accentuare l’effetto disegno: il colore ocra tende a sfumare il contrasto tra segno e sfondo e tra un segno e l’altro. Infine ho applicato il fondino su un foglio bianco, Rosaspina Fabriano."
 
"Il mio intento è stato di cogliere un frammento di realtà veneziana: un piccolo riquadro d’acqua. Il mio campo di osservazione si è circoscritto a pochi centimetri, in cui però ho trovato un’ infinità di emozioni. Così i riflessi sull’acqua si sono trasformati in un mondo irreale. Il paesaggio riverso sulla superficie liquida ed appena increspata di un canale mi ha portato a cercare un segno incisorio breve, con cui dovevo assolutamente indurre l’osservatore a percepire quel movimento, lento ma continuo, da secoli, vivace e pacato al tempo stesso. Le mie opere recenti hanno, come oggetto di ricerca visiva, le immagini che si fanno rapire dalla corrente; in questa grafica è il semplice riflesso di un muro, in una giornata in cui i riflessi sono determinati da questa luce che si trova solo a Venezia."
 
"Sono nata a Ravenna nel 1964; mi sono diplomata al Liceo Artistico, poi ho proseguito gli studi diventando, così tecnica pubblicitaria. E’ dal 2000 che mi dedico all’incisione; da allora ho realizzato 170 lastre, a puntasecca e all’acquaforte. Ho partecipato a concorsi internazionali di grafica, ed ho ottenuto riconoscimenti alla V Biennal Internacional d’Art Grafic –Ajustament de Sant Carles de la rapita in Spagna, al Concorso nazionale di Grafica di Mestre; nel 2008 ho partecipato alla International Printmaking Biennal di Istanbul, alla Biennale Internazionale di Francavilla al Mare, alla Triennale Internazionale Città di Chieri, al Concorso Internazionale Ex Libris di Bosia, alla mostra organizzata dal CONI a Casa Italia a Pechino. Le mie opere sono state acquisite dal Gabinetto Stampe Antiche e Moderne del Comune di Bagnacavallo, dalla Raccolta Bertarelli di Milano, dalla Raccolta Sartori di Mantova. Nel 2007, Giorgio Trentin ha curato la mia monografia."
 
 

Premio Acquisto

Girolamo Russo (Italia)
Senza titolo, 2008
Vernice molle e acquatinta, 430 x 295 mm [680 x 470 mm]

3-Girolamo Russo Italia picGirolamo Russo scrive: "Per ottenere gli effetti cromatici di questa stampa ho effettuato due passaggi di fondino a rullo rispettivamente per il rosso e per la gradazione del grigio, quindi sono passato all’applicazione di frammenti in foglia d ‘oro e, in battuta conclusiva, ho stampato in nero la lastra incisa a vernice molle e acquatinta. La matrice è di zinco; la carta Graphia, filigranata, senza acidi e con riserva alcalina, di colore bianco da 270 g."
 
"Se devo necessariamente trovare una relazione tra quello che emerge dall’opera e quello che sta al di fuori di essa i riferimenti, forse più rispondenti, sembrano rimandarmi alle soffuse penombre dove si addensa il plasticismo strutturale dello spazio metafisico romanico, all’irradiazione musiva del misticismo bizantino che caratterizza lo spazio come entità luminosa. Così alle atmosfere indefinite di luce radente si contrappone la luminescenza di frammenti dorati che insieme testimoniano il tentativo di far coesistere meditazione e contemplazione, mentre la campitura rossa si impone ed emotivamente disorienta."
 
"Sono nato nel 1952 a Palermo, città nella quale ho compiuto gli studi artistici sino al diploma dell’ Accademia di Belle Arti nella sezione Pittura. L’avvio dell’attività di insegnamento mi porta a Treviso ed a Milano, dove collaboro, come stampatore, con Franco Sciardelli. L’esperienza è per me occasione per approfondire le conoscenze tecniche d’incisione e stampa calcografica."
 
"Dal 1995 sono titolare della cattedra di discipline Pittoriche presso il liceo Artistico Damiani Almeyda di Palermo. Di recente ho partecipato, nel 2004, alla mostra di presentazione del “IV Repertorio degli incisori Italiani “ presso il centro culturale “Le Cappuccine” di Bagnacavallo; nello stesso anno ho partecipato al secondo “Premio Italo Grandi” promosso dalla rivista “Grafica d’ arte”, ho partecipato alla VII ed VIII Biennale Internazionale per l’Incisione del Premio Acqui, con pubblicazione nel 2005 e menzione tra i segnalati nel 2007. Per le “edizioni dell’Angelo” ho illustrato la plaquette “Un Sogno” di Franz Kafka. Le mie opere si trovano in collezioni pubbliche nazionali quali il “ Gabinetto delle Stampe” del comune di Bagnacavallo, la Civica Raccolta di Stampe Achille Bertarelli” di Milano e il fondo “Libri d’ artista” della biblioteca Panizzi di Reggio Emilia."

 

Premio Consorzio del Brachetto d'Acqui

Vladimir Zuev (Russia)
Gravitation 2, 2008
Acquaforte e tecnica mista, 495 x 410 mm [700 x 500 mm]

4-Vladimir Zuev Russia picVladimir Zuev scrive: "Stampo da due matrici di alluminio: sulla prima in rilievo a due colori, sulla seconda procedo con l’esecuzione di acquatinta, acquaforte e punta secca. Per la stampa utilizzo una carta morbida."
 
"Con il mio progetto artistico, che ho intitolato “Gravitation 2”, cerco di combinare forme astratte e forme figurative. Creo una costruzione che è percepita come astratta nel centro della composizione. Questo è il mio concetto di gravitazione di due entità differenti. Nella parte inferiore della lastra, incido una nota: due volti, maschile e femminile. La forza gravitazionale che si genera tra uomo e donna è una forza di reciproca attrazione, e secondo la mia opinione è la forza che regola l’intero universo."
 
"Sono nato nella regione dello Syerdlovsk, in Russia, nel 1959. Ho frequentato la Graphic Art Faculty of State Teachers Training Institute di Nizhny Tagil ed a Mosca i corsi della Republic House of Artists "Cheliuskinskaya"; insegno disegno classico e grafica contemporanea al Graphics Department of the Pedagogic Institute in Nizhny Tagil; sono membro di Artist Union of Russia dal 1989. Mi sono dedicato sia all’incisione che all’illustrazione di libri. Ho esposto in oltre duecento manifestazioni internazionali di grafica e ottenuto cinquanta riconoscimenti e dodici primi premio; recentemente ho esposto in mostre personali a Mosca, Francia, Svizzera e a Pttsburg negli Usa. Nel 2008 mi è stato assegnato il premio speciale alla International Printmaking Biennal di Istanbul. Le mie opere sono presenti in numerose collezioni pubbliche in Cina, Russia, Turchia, Polonia, Belgio, Tailandia, Spagna ed ancora Association Mouvement Art Contemporain, Chamalieres, Chebske Museum, Cheb, Davis Museum, Wallesley del Massachussetts, Museo Civico di Grafica di Brunico, Museu d’Art Contemporani di Ibiza."

 

Premio Giovani

Elena Petrocco (Italia)
Mortificazione, 2007
Puntasecca, 415 x 280 mm [570 x 380 mm]

5-Elena Petrocco Italia picElena Petrocco scrive: "L'opera "Mortificazione" è un' incisione realizzata interamente attraverso la tecnica diretta della Puntasecca su lastra di zinco. La stampa inviata per il Premio è stata realizzata su carta tedesca chiamata Hahnemueller. La natura inconfondibile del segno ottenuto con questa tecnica, caratterizzato dall'alone soffuso delle barbe e dal tratto definito, mi ha permesso di raggiungere il massimo del risultato desiderato. Poiché l’incisione a Puntasecca é utile solo per piccole tirature - il segno tende a scomparire a causa della pressione del torchio in fase di stampa - nelle copie successive sono intervenuta per riprendere i segni più chiari e delicati.
 
L'opera fa parte di un progetto chiamato "Il Corpo svelato", che ho realizzato nell'ambito dei miei studi presso L'Accademia di Belle Arti de L'Aquila, ed esposto sotto forma di tesi.
 
La mia ricerca parte dalla considerazione che il corpo è oggi, più che mai, il centro delle nostre tensioni contemporanee, su di esso convergono interessi economici, filosofici, politici, genetici, televisivi, scientifici e di costume. È un paradigma che si rimodula continuamente in quanto è iscritto e tatuato dentro il sapere delle civiltà. È un algoritmo magnetico che attrae il nostro sguardo e saccheggia la nostra mente.
 
Nella nostra cultura esibizionista e volgare, il nudo è di moda - non è più un tabù - ma un manifesto di corporeità banalizzato, replicato all'infinito, che propaganda erotismo sterile, senza alcun coinvolgimento. Il corpo diventa ready-made dell'organico, del mondo, dell'essere carne senza mistero. Ho tentato di analizzare tutto ciò attraverso i segni e le forme, interpretandole in un gioco di alterazioni e contaminazioni che abbatte i confini, già così labili, dei saperi.
 
"Mortificazione" vuole essere cronaca di lacerazioni, è un contenitore della bellezza "sottovuoto"; immagine di sensi perduti nelle anatomie frammentate che i mass-media mercificano come carne al macello. "Mortificazione" rappresenta la consapevolezza della menzogna del corpo che inganna i sensi e la verità e manifesta nella sua prigione di nodi e corde la propria sofferenza.
 
Il mio lavoro è un "manifesto-denuncia" per ricordare che un corpo deve essere materia di vita, perché è l'unica testimonianza dell'esserci, l'unico mezzo che ci permette di non smaterializzarci nell'etere e di essere robotizzati o inghiottiti dallo spazio virtuale.
 
Sono nata a Campobasso nel 1985; ho conseguito il Diploma di Primo Livello in Arti Visive e Discipline dello spettacolo indirizzo di Grafica ed attualmente frequento l'ultimo anno del corso di Grafica Multimediale di Secondo Livello. Mi sono avvicinata al mondo dell'incisione calcografica all'età di 16 anni e l'Accademia di Belle Arti mi ha fornito la grande opportunità di approfondire il grande interesse per questo tipo di arte. Numerose sono state le esperienze in campo artistico, intensificatesi negli ultimi due anni attraverso mostre e concorsi. Le esposizioni più significative sono state, nel 2008, la Mostra collettiva "Sguardi sulla città" presso il Castello Cinquecentesco de L'Aquila, in gemellaggio con il dipartimento di Grafica dell'Accademia di Valencia; le esposizioni nel palazzo della Regione Abruzzo e nel MUSPAC, Museo sperimentale di Arte contemporanea de L'Aquila; la mostra al Museo del Corso (della Fondazione di Roma), in via del Corso dopo segnalazione e diploma di merito per il concorso Fondazione G. Onesti - Accademia Olimpica Nazionale Italiana con l'opera "Malattia sportiva, Il Doping";

20/06/2009 - Invito

{youtube}LxL78WEfhRU{/youtube}

invito2009pag1-1pic

 

invito2009pag1-2pic a

Rotary Club Acqui Terme

Fondazione CRTO


Con il contributo di

ANTICA CASA VINICOLA SCARPA GOVERNATORE DISTRETTO 2030
ANTICHE DIMORE SRL IMEB SRL
ARREDAMENTI F.LLI LAROCCA INTESA SAN PAOLO SPA
BANCA D'ALBA ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARSTI
CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA SPA OLIO GIACOBBE
OTTICA MARIO MENEGAZZI
COMUNE DI ACQUI TERME POMPE GARBARINO SPA
CONSORZIO BRACHETTO D'ACQUI RAPETTI FOOD SERVICE SRL
ENOTECA REGIONALE DI ACQUI TERME REGIONE PIEMONTE
FONDAZIONE CRTO SPACE CANNON VH SPA
GIRAUDI CIOCCOLATO ARTIGIANALE TRICOT HARDEN SRL

 

Giuseppe Avignolo
Presidente della Biennale
Stefano Peola
Presidente Rotary Club Acqui Terme

hanno il piacere di invitarLa
sabato 20 giugno 2009 ore 17.30
all’inaugurazione delle mostre en plen air, Portici di via XX settembre

OPERE SELEZIONATE PER IL PREMIO ACQUI
CONCORSO EX LIBRIS “MONFERRATO: FRA STORIA E LEGGENDA”

Programma
Grand Hotel Nuove Terme - Sala Belle Epoque

ore 18
Durer “quel che mostra e quel che nasconde”
Prof. Paolo Bellini, Università Cattolica Milano
ore 18.30
Premiazione
IX BIENNALE INTERNAZIONALE PER L’INCISIONE PREMIO ACQUI

Eventi collaterali
Incontro di primavera AIE (Associazione Italiana Ex Libris)
Giardino Grand Hotel Nuove Terme
XXIX Concorso Enologico “Città di Acqui Terme” - Banco d’assaggio

20/06/2009 - Man Zhuang vince il Premio Acqui

Premio Acqui

Man Zhuang (Giappone)
For Away, 2008
Maniera nera, 365 x 535 mm [485 x 645 mm]

1-Man Zhuang Giappone picMan Zhuang scrive: "Ho inciso una lastra di rame e utilizzato la Chine collée, la sottilissima carta di Cina applicata come fondino in fase di stampa con un leggero incollaggio, perché è una tradizione antica nel mio paese, inoltre questo tipo di carta ha la proprietà di esaltare l’effetto della maniera nera e rendere delicati passaggi di colore.

Trovo che la tecnica della maniera nera sia il mezzo migliore per riprodurre la bellezza della luce, perché permette sfumature le variazioni uniche, effetti pittorici, mezzi toni. Utilizzo questa tecnica anche perché impegna in un percorso intellettuale llungo e laborioso. Le fasi di lavoro sono contraddittorie: prima si ottiene il rilievo, poi lo si elimina, e questi passaggi li chiamano un lavoro primordiale che produce un segno arcano, magico, capace di trascrivere gli effetti che desidero: intendo fermare la luminosità dell’istante, bloccarla, capirla. Il bagliore di luce è una forza non solo naturale ma interiore. Con i miei lavori cerco di cogliere l’attimo più luminoso, di inserire la luce nel mondo monocromatico."

"Sono nata nel 1972 a Shanghai, in Cina; i miei primi interessi erano rivolti alla medicina e quindi mi sono laureata in odontoiatria nel 1995. Ma già qualche anno dopo sono entrata alla Bunka Woman’s University di Tokyo, per frequentare il corso di disegno grafico sotto la guida di Takeshi Katori. Dal 2003 ho iniziato a partecipare ai concorsi internazionali di grafica: il primo è stato a Cadaqués in Spagna, poi a Bangkok, quindi Lessedra, Seul, Xativa e Tokyo, dove ho tenuto anche mostre personali. Mie opere sono nelle collezioni del National Taiwan Museum of Fine Arts e della Library of Congress americana."

20/06/2009 - I vincitori del Concorso Ex Libris

Elenco dei premiati 2009:

 

1-Paolo ROVEGNO  Italia picPrimo Premio

Paolo ROVEGNO (Italia)
Da S.Minarino ai tre giorni di Aleramo, 2008
Acquaforte, acquatinta, col/3, 100x130 mm

Paolo Rovegno nasce a Cremona nel 1942. Sin da giovane si interessa attivamente di arti figurative frequentando artisti e gallerie d’arte che lo inducono ad un profondo studio ed attenta sperimentazione della tecnica incisoria. A Piacenza frequenta i corsi di calcografia presso la scuola d’arte “Gazzola”. Si dedica soprattutto alla piccola grafica e agli exlibris dei quali diventa attivo interprete, ricercato dai collezionisti di tutto il mondo. Sue opere sono esposte in musei italiani e stranieri (Museo delle Stampe di Istambul, International Exlibriscentrum di Saint Niklaas – Belgio,New York University e New York Public Library, ecc..)








2-Vincenzo PIAZZA  Italia pic

Premio acquisto

Vincenzo PIAZZA (Italia)
“Monferrato” ,2008
Acquaforte,130x100 mm

Vincenzo Piazza nasce a Catania nel 1959. Dopo la laurea in Architettura nel ’83, si avvia all’attività artistica, interessandosi alle tecniche dell’incisione. Frequenta i corsi di calcografia e litografia presso l’Accademia Raffaello di Urbino. Nel 1987 è allestita la prima personale alla galleria Tasso di Bergamo. Dal 1995 il corpus calcografico comprende anche exlibris. Collabora con diversi editori all’illustrazione di libri ed edizioni d’arte.





3-Susana VENEGAS GANDOLFO picPremio acquisto

Susana VENEGAS GANDOLFO (Peru)
La cavalcata, 2008
Punta secca e acquatinta, 113x100 mm

Diplomata alla Pontificia Universidad Católica del Perù in plastica, filosofia dell’arte, pittura e restauro, nella grafica predilige l’indagine del processo creativo a partire dalla tecnica mista.

 

È docente di incisione. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui: Iowa Miniature Prints, premio speciale alla Biennale di Acqui, selezionata alla Triennale di Cracovia nel 2006, menzione d’onore al XXXII Salon Nacional de Grabado ICPNA. Ha esposto in Perù, in Europa, Nord America, Corea, Taiwan ed Egitto.





I finalisti:


4.- Ettore ANTONINI (Italia)
Aleramo, 2008
Acquaforte e acquatinta, 85x100 mm

5.- Maurizio BOIANI (Italia)
Aleramo e l’abbazia di Grazzano,2008
Acquaforte, 95x125 mm

6.- Margherita Bongiovanni (Italia)
Alasia e Aleramo, 2008
Puntasecca su plexiglas, 98x130 mm

7.- Anna Maria DE NIGRIS (Italia)
I 3 giorni di Aleramo,2008
Acquaforte, 117x88 mm

8.- Lucia IADANZA (Italia)
Aleramo,2008
Acquaforte, ceramolle, 100x130mm

9.- Tijana Kojic (Serbia)
Wine of Monferrato,2008
Maniera nera, 130x120 mm

10.- Torill Elisabeth LARSEN (Norvegia)
Essay I°,2008
Linoleum 105x100 mm

11.- Veronica LONGO (Italia)
Tra storia e leggenda, 2008
Acquaforte, acquatinta, 80x125 mm

12.-Giorgio Matteini (Italia)
La cavalcata di Aleramo, 2008
Acquaforte, acquatinta, 60x93 mm

13.- Ignacio NAVARRO (Messico)
Fantasmas,2008
Punta secca, 100x70 mm

14.- Fernando Javier POLITO (Argentina)
Monferrato,2008
X6, Incisione su plastica, 85x125 mm

15.- Donatella Aurora SERRITELLA (Italia)
Aleramo ricaccia i bresciani, 2008
Acquaforte, acquatinta, puntasecca,100x120 mm

16.- Roberto TONELLI (Italia)
Le oche messe in fuga da S;Baudolino, 2008
Acquaforte, 130x100 mm

17.- Dina VIGLIANISI (Italia)
Saltimbanchi, gufi e chiromanti,2008
Acquaforte, acquatinta, 100x125 mm

18.- MAN ZHUANG (Giappone)
The water lily,2008
Maniera nera, 100x130 mm

20/06/2009 - Inizia la Mostra "En plein Air"

Per due settimane, dal 20 giugno all’8 luglio, Acqui Terme è teatro di incontri e dibattiti tra critici d’arte, artisti, collezionisti ed amatori, l’occasione sono la IX Biennale Internazionale per l’Incisione e l’assegnazione del Premio Acqui 2009.

 

La Biennale è ormai un’istituzione espositiva, con una storia lunga diciotto anni, nata con l’intento di promuovere Acqui Terme ed il Monferrato per mezzo di una iniziativa culturale. Angelo Dragone, nel suo testo introduttivo al catalogo della prima edizione, motivava così le ragioni di questa iniziativa identificando l’incisione come “un settore ideale con il quale contribuire a far cultura.”

20/06/2009 - Premiazione IX Biennale Internazionale per l'Incisione

Si è svolta sabato 20 giugno ad Acqui Terme la Cerimonia di premiazione della IX Edizione della Biennale Internazionale per l’Incisione: l’evento ha avuto una grande partecipazione di pubblico che ha coronato il successo già confermato dalla partecipazione di 590 opere, provenienti da 51 paesi diversi. Un successo ottenuto anche nel mondo virtuale di Internet: il sito dell’edizione 2009 è stato aperto da oltre 100.000 visitatori.

La manifestazione si è aperta con l’inaugurazione della mostra en plein air allestita lungo i Portici di Via XX Settembre accanto al centro termale e al Grand Hotel Nuove Terme: la struttura espositiva, un progetto dell’architetto Antonio Conte, è restata a disposizione del pubblico per 15 giorni.

Dal 20 giugno all’8 luglio, Acqui Terme è stata teatro di incontri e dibattiti tra critici d’arte, artisti, collezionisti ed amatori. L’iniziativa della mostra en plein air, già proposta in occasione della VIII edizione della Biennale, si è rivelata un ottimo strumento di divulgazione dell’arte dell’incisione tra un pubblico sempre più vasto ed eterogeneo.

All’inaugurazione ha fatto seguito la cerimonia di premiazione che ha avuto luogo nella Sala Belle Epoque del Grand Hotel Nuove Terme: il Sindaco di Acqui, Danilo Rapetti, che ha presenziato la cerimonia, ha portato all’attenzione del pubblico l’impegno profuso dall’Associazione Internazionale dell’Incisione nella persona del suo Presidente, Giuseppe Avignolo, nel sostenere la Biennale di Acqui, nata nel 1993 all’interno del Rotary locale, con l’intento di promuovere Acqui Terme ed il Monferrato per mezzo di un’iniziativa culturale dedicata all’arte incisoria.

Ha fatto seguito l’intervento dell’Assessore alla Cultura, Carlo Sburlati, il quale ha ribadito l’importanza dell’evento all’interno dell’intensa attività culturale della cittadina acquese.

Nel corso della cerimonia, notevole interesse ha destato la lectio magistralis tenuta dal Professor Paolo Bellini dell’Università Cattolica di Milano sul tema “Dürer: quel che mostra e quel che nasconde”.

Al termine, la consegna dei premi ha chiuso la cerimonia.

La IX Edizione ha confermato il successo della Biennale: una particolare nota merita la partecipazione di tanti giovani che, con la qualità delle loro opere, hanno entusiasmato le Giurie e gli organizzatori della Biennale.

La macchina organizzativa della Biennale dell’Incisione riprenderà presto i lavori in vista della X Edizione.

10/10/2009 - I finalisti del concorso Ex Libris

Di seguito i 18 finalisti del concorso Ex Libris 2009

20/03/2009 - IX edizione del Premio Acqui

La IX edizione del Premio Acqui Incisione promosso dall’Associazione Biennale si apre il 20 giugno con novità importanti.

2009 - Un Premio per l'Incisione

{youtube}OUU-UKj9i_w{/youtube}

10/11/2007 - Grande successo della VIII edizione

650 opere da tutti i continenti, 50 Paesi, tutte le tecniche.

Di seguito la lista di tutti i paesi partecipanti

Italia Australia
Argentina Thailandia
Brasile Romania
Francia Repubblica Ceca
Giappone Taiwan
Lituania Olanda
Canada India
Stati Uniti Finlandia
Belgio Egitto
Messico Marocco
Cile Venezuela
Germania Austria
Polonia Iran
Russia Danimarca
Spagna Costa Rica
Turchia Belarus
Perù Uruguay
Svizzera Slovenia
Ungheria Slovacchia
Bulgaria Corea
Portogallo Ecuador
Croazia Giamaica
Ukraina Puerto Rico
Serbia
Grecia
Cina

01/07/2007 - VIII Edizione in immagini

{youtube}euLFQW4pr1Q{/youtube}

{youtube}fmcLpdHdm_I{/youtube}