20/02/2012 - Articolo su "De Geus"

geusLa Biennale di Acqui Terme nacque sotto gli auspici del Rotary locale e il suo presidente Giuseppe Avignolo. Come responsabile, egli voleva promuovere all’estero la sua città e il suo territorio attraverso una manifestazione culturale con risonanza internazionale – un premio biennale per l’incisione.

Non a caso si scelse l’arte dell’incisione. Mentre in passato l’incisione all’acquaforte e la silografia (incisione a rilievo su legno) rivestivano una grandissima importanza negli ornamenti e decori dei manoscritti, l’arte incisoria è diventata al giorno d’ oggi un ramo artistico di riconosciuto valore. L’obiettivo della Biennale è di valorizzare l’arte incisoria contemporanea utilizzando tecniche tradizionali come: bulino, punta secca, punzone, acquatinta, silografia e altre lavorazioni tradizionali. Utilizzate separatamente o insieme, le regole dell’originalità vanno comunque sempre rispettate.

La prima edizione fu nel 1993 con cinquantaquattro artisti partecipanti, quasi tutti provenienti dall’Italia. Per l’ultima edizione del 2011 sono state inviate più di seicento opere provenienti da cinquantasette paesi diversi. Un compito arduo dunque per la giuria internazionale quello di sceglierne duecento per il catalogo e venti per la corsa al Premio.

Cliccare qui per visionare il documento.