07/06/2012 - Mostra itinerante a Ieper

Prosegue l'itinerario per la Mostra Itinerante "Segni d'Autore", che si concluderà a Ieper presso il Cultuur Centrum dal 3 al 24 Giugno 2012.

image002
ieper1 ieper2
ieper3 ieper4
ieper5 ieper6
ieper7 ieper8
ieper9 ieper10
ieper11

14/04/2012 - La mostra itinerante inaugura ad Acqui Terme

locandina acqui

invito acqui

“Segni di autore - Premio Acqui Biennale Internazionale per l'incisione - 1991/2011”, inaugurata ad Acqui Terme. sabato 14 aprile a Palazzo Robellini, è stato un evento speciale, con un pubblico attento e ammirato. Com’é noto la Biennale per l’Incisione nasce nell’ambito del Rotary Club locale per promuovere il territorio di Acqui Terme
e del Monferrato; è il critico d’arte Angelo Dragone che suggerisce di adottare un evento culturale ed in particolare un concorso di grafica d’arte originale.

La tappa acquese di questa mostra celebrativa, ha dato occasione per sottolineare al pubblico questa duplice valenza: la presenza, quale madrina dell’evento, di una giovane in costume monferrino ha reso in sintesi la mission da cui ha preso avvio vent’anni fa il Premio Acqui dedicato all’incisione.

“Segni d’Autore” è una mostra speciale sotto tanti aspetti, dal 14 aprile sino al 4 maggio, e sarà occasione per condividere con la città i venti anni d’impegno nell’organizzare la manifestazione.
Le opere presentate sono incisioni commissionate appositamente dall’Associazione Biennale Internazionale per l’Incisione: a Giulia Napoleone, vincitrice della prima edizione del Premio Acqui, fanno seguito Tino Aime, Andrè Beauchat, Sandro Bracchitta, Livio Ceschin, Teodoro Cotugno, Elisabetta Diamanti, Vincenzo Gatti, Gabriella Locci, Bruno Messieri, Franco Menegon, Snezana Petrovic, Lanfranco Quadrio, Roberto Rampinelli, Giovanni Turria, Susana Vanegas Gandolfo, Cleo Wilkinson, Agostino Zaliani, Roberta Zamboni, Man Zhuang e Alicia Díaz Rinaldi.

“Segni d’Autore” è una panoramica dei migliori esempi di tecniche incisorie tradizionali: esempi di duttilità espressiva e varietà di procedimenti, di ricerca estetica e di percorsi concettuali.
La collocazione delle opere, lasciate quasi isolate sulle pareti, permettono di apprezzarne l’alta qualità delle tecniche e dei segni, in articolare le maniere nere esposte rappresentano rafinitassime esecuzioni; ma anche le tecniche miste attraggono il visitatore per la loro complessità di linguaggio.

L’esposizione a Palazzo Robellini è allestita da Giorgio Frigo, medico pittore e assiduo e competente collaboratore dell’Associazione Biennale e dallo staff della Revilla Network.

P.U.

Segni d'Autore

Segni d'Autore

Segni d'Autore

Segni d'Autore

20/02/2012 - Articolo su "De Geus"

geusLa Biennale di Acqui Terme nacque sotto gli auspici del Rotary locale e il suo presidente Giuseppe Avignolo. Come responsabile, egli voleva promuovere all’estero la sua città e il suo territorio attraverso una manifestazione culturale con risonanza internazionale – un premio biennale per l’incisione.

Non a caso si scelse l’arte dell’incisione. Mentre in passato l’incisione all’acquaforte e la silografia (incisione a rilievo su legno) rivestivano una grandissima importanza negli ornamenti e decori dei manoscritti, l’arte incisoria è diventata al giorno d’ oggi un ramo artistico di riconosciuto valore. L’obiettivo della Biennale è di valorizzare l’arte incisoria contemporanea utilizzando tecniche tradizionali come: bulino, punta secca, punzone, acquatinta, silografia e altre lavorazioni tradizionali. Utilizzate separatamente o insieme, le regole dell’originalità vanno comunque sempre rispettate.

La prima edizione fu nel 1993 con cinquantaquattro artisti partecipanti, quasi tutti provenienti dall’Italia. Per l’ultima edizione del 2011 sono state inviate più di seicento opere provenienti da cinquantasette paesi diversi. Un compito arduo dunque per la giuria internazionale quello di sceglierne duecento per il catalogo e venti per la corsa al Premio.

Cliccare qui per visionare il documento.

06/10/2011 - Mostra itinerante a Betanzos

 

Invito Ciec

betanzos 1 betanzos 1
betanzos 1
 
La Fundación CIEC, Centro Internacional de la Estampa Contemporánea, è una fondazione privata creata il 7 aprile 1997, frutto dell'impegno dell'artista Jesús Núñez, con l'obiettivo di promuovere e diffondere le arti plastiche in generale e le arti grafiche in particolare.

La Fundación si trova nel centro storico di Betanzos (A Coruña, España) ed è situato in un edificio realizzato nel 1923 dall'architetto coruñese Rafael Gonzáles Villar.
 

 

1 CIEC 2 CIEC

 

Per il compimento dei suoi obietivi la Fundación CIEC realizza numerose attività ed iniziative tra le quali emergono le attività di docenza e quelle espositive.

L'organizzazione di corsi durante tutto l'anno e la creazione nel 2003 del Master sull'Arte Grafica, permette di comprendere l'importanza di questa attività, così come l'elevato numero di professori, artisti e studenti che partecipano alle iniziative. Lo spazio utilizzato come laboratorio dai numerosi artisti provenienti da diversi paesi per lavorare e condividere le loro esperienze artistiche si sovrappone alle esposizioni e alle mostre creando un complemento d'arte perfetto.

 

3 CIEC 4 CIEC

La realizzazione di esposizioni e mostre contribuiscono notevolmente ad una conoscenza più approfondita dell'arte e dei suoi artisti. A tutto ciò si aggiungono le pubblicazioni, le conferenze, i concerti e tutti quegli eventi che hanno reso la Fundación CIEC un importante riferimento nel mondo dell'arte contemporanea.

 

betanzos 2 betanzos 3

06/10/2011 - 24/06/2012 - Mostra itinerante "Segni d'autore"

La Biennale internazionale per l'incisione si appresta a diventare mostra itinerante a livello europeo. Lo ha annunciato il presidente dell'Associazione Biennale, Giuseppe Avignolo. L'evento rappresenta la migliore occasione per rendere omaggio alla decima edizione del Premio Acqui Incisione, che ha avuto il suo sommo grado, a giugno, con la consegna dei premi, dopo un lungo iter selettivo, ai vincitori della edizione 2011 dell'iniziativa. È in quell'occasione, dopo vent'anni di impegno nell'organizzare la manifestazione ormai nota in ogni Continente, che si è avverato il perfezionamento del piano organizzativo necessario al fine di portare in sedi espositive di Spagna, Francia e Belgio opere di artisti che hanno scritto la storia dell'avvenimento d'arte “made in Acqui Terme” dal 1993 al 2011, vale a dire, com'è denominata l'esposizione itinerante: “Vent'anni venti artisti...”.

“È una mostra speciale che offre, nell'ambito delle tecniche tradizionali, esempi di duttilità espressiva e varietà di procedimenti, ma anche occasione per portare oltre i confini l'immagine del Piemonte, ed in particolare del Monferrato, come promotore di attività culturali”, ha sostenuto Avignolo. Il via espositivo europeo inizierà a Betanzos (Spagna) con una mostra alla Fundacion C.I.E.C in calendario dal 6 ottobre al 10 novembre. Dal 22 novembre all'11 dicembre, la mostra si svolgerà al Brita Prinz di Madrid (Spagna). Approderà quindi al Kunst in Het Geuzenhuis di Gent (Belgio), dal 17 al 26 febbraio del 2012. Acqui Terme, ospiterà la mostra, a Palazzo Robellini, dal 14 aprile al 5 maggio 2012.

L'iniziativa espositiva completerà il suo percorso al Cultuur Centrumm ACCI di Ieper (Belgio) dal 3 al 24 giugno. Gli artisti invitati alla rassegna sono Tino Aime, Andrè Beuchat, Sandro Bracchitta, Livio Ceschin, Teodoro Cotugno, Elisabetta Diamanti, Vincenzo Gatti, Gabriella Locci, Bruno Missieri, Franco Menegon, Giulia Napoleone, Snezana Petrovic, Lanfranco Quadrio, Roberta Rampinelli, Giovanni Turria, Susana Vanegas Gandolfo, Cleo Wilkinson, Agostino Zaliani, Roberta Zamboni e Man Zhuang. La presentazione del catalogo dell'iniziativa fa capo a Giuseppe Avignolo, Pedro Galilea, Casa Falconieri, Kunst in het Geuzehuis, Cultur Centrum Ieper e Brita Prinz, con supporto e collaborazione informatica di Revilla Networks Italia Team-coordinamento di Edoardo Avignolo e progetto grafico di Marina Gras.